Il fondatore di Microsoft Bill Gates ha deciso di prendere una posizione chiara in favore del lockdown totale, per far fronte all’emergenza sanitaria che sta pesantemente colpendo anche gli Stati Uniti. In un articolo appena pubblicato nella sua newsletter, Bill Gates suggerisce tre passi che i leader mondiali devono compiere subito per fermare questa pandemia.

Il Coronavirus spaventa molto gli imprenditori e filantropi anche oltreoceano, con gli oltre 190mila contagi e i 4mila morti (dei quali 1.500 nella sola New York). Pesanti i rischi per l’economia mondiale, con il presidente Donald Trump ancora indeciso se dichiarare o meno il lockdown nazionale.

Aggiornamento 25/04/2020: Bill Gates è pronto ad assumersi i costi della produzione di un vaccino contro il coronavirus. La Fondazione Bill and Melinda Gates — la più ricca fondazione priv ata al mondo, fondata nel 2000 dal magnate insieme alla moglie — aiuterà a trovare i soldi necessari perché, una volta messo a punto il vaccino, sia possibile produrlo su larga scala, in modo da coprire le necessità di tutti i Paesi. Lo ha detto lo stesso fondatore di Microsoft in un’intervista al Times. Sul suo blog ufficiale, pochi giorni fa, Gates aveva detto che la situazione che stiamo vivendo «è come una guerra mondiale, tranne che per il fatto che stiamo tutti dalla stessa parte». Continua a leggere

5110817_0820_bill_gates_virus_ted

Bill Gates

Questi i passi che, secondo Bill Gates, i leader devono prendere senza indugio per bloccare la pandemia:

1. “Abbiamo bisogno di un approccio coerente a livello nazionale per il lockdown. Nonostante le sollecitazioni degli esperti di sanità pubblica, alcuni stati non hanno chiuso completamente. In alcuni stati, le spiagge sono ancora aperte; in altri, i ristoranti servono ancora pasti da seduti.

Questa è la strada per il disastro. Così come le persone possono viaggiare liberamente attraverso i confini statali, così può fare il virus. I leader devono essere chiari: chiudere ovunque significa chiudere ovunque. Fino a quando i numeri dei casi non inizieranno a scendere in tutta l’America – il che potrebbe richiedere 10 settimane o più – nessuno può continuare a fare business come al solito. Qualsiasi confusione su questo punto non farà che estendere i sacrifici economici e aumentare le probabilità che il virus ritorni, causando più morti.”

2. “In secondo luogo, il governo federale deve intensificare i test. Dovrebbero essere resi disponibili molti più test. Dovremmo anche aggregare i risultati in modo da poter identificare rapidamente potenziali volontari per gli studi clinici e sapere con fiducia quando è il momento di tornare alla normalità.

Sono stati inoltre compiuti alcuni progressi in merito a metodi di test più efficienti, come il tampone automatico sviluppato dalla rete di valutazione del coronavirus di Seattle, che consente ai pazienti di prelevare un campione da soli senza esporre un operatore sanitario. Spero che questa e altre innovazioni nei test vengano presto ampliate in tutto il paese.

I primi nella lista ad essere sottoposti a test dovrebbero essere le persone in ruoli chiave come gli operatori sanitari e i primi soccorritori, seguite da persone altamente sintomatiche che sono maggiormente a rischio di ammalarsi gravemente e che probabilmente sono state esposte.

Lo stesso vale per maschere e ventilatori. Costringere 50 governatori a competere per le attrezzature salvavita – e gli ospedali a pagare prezzi esorbitanti – non fa che peggiorare le cose.

3. Infine, abbiamo bisogno di un approccio basato sui dati per lo sviluppo di trattamenti e un vaccinoPer porre fine alla malattia, avremo bisogno di un vaccino sicuro ed efficace. Se facciamo tutto nel modo giusto, potremmo averne uno in meno di 18 mesi: il più veloce mai sviluppato un vaccino. Ma creare un vaccino è solo metà della battaglia. Per proteggere gli americani e le persone in tutto il mondo, dovremo produrre miliardi di dosi.

Senza un vaccino, i paesi in via di sviluppo corrono un rischio ancora maggiore rispetto a quelli ricchi, perché è ancora più difficile per loro eseguire l’allontanamento fisico e le chiusure. Più in basso la scala del reddito vive, più è importante che ogni giorno vadano a lavorare solo per sfamare la loro famiglia.

Se vivono nelle parti più povere dell’Africa sub-sahariana o dell’India, restare a casa semplicemente non è un’opzione. Anche se restano a casa, non possono semplicemente staccarsi dai loro vicini; nelle baraccopoli, le case sono così vicine che non c’è modo di mantenere le distanze. Tutto il lavoro che i paesi ricchi stanno facendo ora per sviluppare vaccini salverà anche vite in quei luoghi.

Nel 2015, Bill Gates ha esortato i leader mondiali in una ormai famoso TEDTalk, a prepararsi per una pandemia nello stesso modo in cui si preparano alla guerra, eseguendo simulazioni per trovare le crepe nel sistema.

Gates ha recentemente deciso di abbandonare definitivamente anche la poltrona di presidente del consiglio di amministrazione di Microsoft – ultimo impegno all’interno dell’azienda da lui creata – ribadendo che il suo obiettivo primario, oggi e nel futuro, è la Foundation che ha creato con la moglie Melinda ormai vent’anni fa, nel 2000. La più ricca fondazione privata al mondo, che si è aggiunta nel lungo elenco mondiale di coloro che provano ad aiutare nell’emergenza coronavirus, stanziando 105 milioni di dollari allo scopo di creare nuove terapie, espandere l’accesso ai test e limitare l’impatto del virus.

[Articolo integrale pubblicato da Bill Gates nella sua newsletter.]